Descrizione

Zagato Car Club

Zagato Car Club organizza una gita in Umbria per tutti gli appassionati di auto ZAGATO

se interessati : contattare la segreteria dello Zagato Car Club 346/7494400
E- mail: zagatocarclub@zagatocarclub.it

PROGRAMMA


Venerdì 12

Arrivo previsto ore 15:00 a Solomeo:
Solomeo
è una frazione del comune di Corciano, in provincia di Perugia, il paese si trova circa 9km a sud di Corciano. esso si sviluppa principalmente sulla cima di una collina (273 m.s.l.m.) e nella zona pianeggiante è lambito dalle acque del torrente Caina. Nel paese si trova una delle aziende tessili principali nel settore del cachemire (la Brunello Cucinelli S.p.A)

Il borgo di Solomeo, edificato tra la finedel XII secolo e la prima metà del XIII, si sviluppa sull’insediamento di un precedente complesso rurale denominato Villa Solomei, che svolgeva la funzione di base operativa pergli uomini impegnati nelle bonifica della pianasottostante. Si trovava in prossimità della strada che nel Medioevo, come probabilmentegià in età romana, univa Perugia a Castigliondel Lago e a Chiusi. Nel 1361 il nucleo abitato di Villa Solomei era costituito da un palazzo, un casamentum, dodicidomus, due casalinie la chiesa di San Bartolomeo.Nella primavera del 1391, per volontà popolare, l’insediamento viene fortificato, e la costruzione dell’attuale castello promossa da MeoIohannis Cole, proprietario del palazzo maggiore; nel verbale del consiglio cittadino Meo viene definito quale “committente”. Il fortilizio fu costruito a ridosso del palazzo di sua proprietà:.Sul finire del XIV secolo il castello di Solomeo doveva essere completato, ma si continuò ancora per qualche tempo a indicare l’insediamento con il termine di “Villa”.

Ore 16:30 Partenza per Spoleto sosta presso Oleificio “ il Frantoio “ degustazione bruschette all’olio di oliva extravergine

Arrivo previsto a Spoleto Ore 20:00 parcheggio e accreditamento presso Hotel Clitunno

Ore 20:30 Cena in Hotel


Sabato 13 

ore 8:30 Colazione in Hotel

Ore 9:30 Partenza per Foligno Prendere la S.S. 3 Sosta in P.zza della Repubblica  Visita Palazzo Trinci. Il palazzo Trinci è un edificio patrizio che si trova nel centro di Foligno, in piazza della Repubblica, ed è una delle più interessanti dimore tardogotiche dell’Italia centrale. Contiene un prezioso ciclo di affreschi dei primi del Quattrocento, realizzato da Gentile da Fabriano con la collaborazione di altri artisti, e ospita la Pinacoteca civica, il Museo archeologico e il Museo multimediale dei tornei, delle giostre e dei giochi.

Sulla piazza grande di Foligno i Trinci acquistarono alla fine del Trecento le case e le torri del ricco mercante Giovanni di Ceccarello, confinanti con la loro abitazione. Tutte le strutture vennero rinnovate in un unico complesso tra il 1389 e il 1407.

Ore 11.30 Partenza per –MONTEFALCO arrivo previsto 12:00 sosta in Piazza del Comune Parcheggio e Visita guidata presso il Museo Benozzo Gozzoli e Museo del Ricamo

STORIA

Chiamata per la sua incantevole posizione “RINGHIERA DELL’UMBRIA“, domina l’ampia valle che da Perugia si distende sino a Spoleto.Per i suoi celebri affreschi è ritenuta un santuario dell’arte umbro-toscana. Centro abitato fin da epoca romana, nel medioevo si chiamò COCCORONE (forse dal greco OROS = MONTE), nome che mantenne fino al 1249, quando devastata dalle truppe di Federico II, fu restaurata immediatamente col nome di Montefalco.Il cardinale Egidio Albornoz iniziò da Montefalco la sua fortunata opera di ricostituzione dello stato ecclesiastico successivamente fu sottoposta ai Trinci di Foligno in varie riprese (1383-1439 Ospitò tra le sue mura i due imperatori svevi, Federico Barbarossa e Federico II,

Ore: 13:30 PRANZO presso Villa Pambuffetti

Villa Pambuffetti. è un luogo di grande suggestione dove la vita quotidiana scorre tranquilla e la gente conserva ancora l’abitudine  di ritrovarsi a tavola per il pranzo e per la cena. Gabriele D’ Annunzio la definì “ Città del silenziodove “ par che l’ istesso ciel rischiari la campagna” , toccato dalla visione dei vasti paesaggi che si dominano da lì. Infatti da Montefalco lo sguardo si libra in alto e tocca veloce colli, boschi, fiumi e città:

Ore 16:30 Partenza per BEVAGNA e Visita Cantina Lunelli con degustazione Vini

Il Carapace di Arnaldo Pomodoro, tra Bevagna e Montefalco, è “la prima scultura al mondo in cui si vive e si creano grandi vini”: ecco qualche suggestiva ripresa di questo gioiello dell’architettura moderna Il piccolo e grazioso borgo di Bevagna, in provincia di Perugia, da oggi ha un’attrazione in più da scoprire: è infatti possibile visitare la cantina “Carapace”, realizzata da Arnaldo Pomodoro e di proprietà della famiglia Lunelli della Tenuta Castelnuovo. Si tratta di un’opera d’arte unica nel suo genere, poiché al suo interno si lavora effettivamente ogni giorno, per produrre il vino Sagrantino e il Rosso di Montefalco.

ALTERMINE RIENTRO IN ALBERGO

Ore 20:30 Cena Palazzo “Leti


Domenica 14

ore 9:30 Visita Guidata alla città di Spoleto

La Rocca Albornoziana è una fortezza situata sulla sommità del colle Sant’Elia che sovrasta la città di Spoleto. Si tratta del principale baluardo del sistema di fortificazioni fatto edificare da papa Innocenzo VI, per rafforzare militarmente e rendere più evidente l’autorità della Chiesa nei territori dell’Italia centrale, in vista dell’ormai imminente ritorno della sede pontificia a Roma dopo i settanta anni circa di permanenza ad Avignone.

I lavori di costruzione ebbero inizio nel 1359, furono presieduti dal cardinale spagnolo Egidio Albornoz, e si protrassero fino al 1370 sotto la direzione dell’architetto eugubino Matteo Gattaponi

La struttura del perimetro rettangolare, infatti, con quattro torri Vi soggiornarono anche molti pontefici, tra i quali Bonifacio IX nel 1392 e Niccolò V nel 1449 durante la peste di Roma, nonché in diverse occasioni anche Lucrezia Borgia. Al centro del cortile è situato un pozzo esagonale che sormonta una grande cisterna utilizzata per la raccolta dell’acqua piovana.

Il Duomo

La Cattedrale, ricostruita alla fine del XII sec Sulla facciata, impreziosita dal mosaico di Solsterno, si aprono le arcate del portico fatto realizzare nel 1491 da Ambrogio Barocci, celebre maestro che aveva lavorato nella splendida residenza ducale di Urbino al fianco di Francesco di Giorgio Martini. L’utilizzo di materiali cromaticamente contrastanti – le pietre bianca e rosata dei monti intorno Spoleto – fa cogliere a pieno l’effetto chiaroscurale e la minuzia decorativa dei rilievi eseguiti da maestranze lombarde esperte in questo tipo di arte, come testimoniato dai documenti conservati negli archivi.

Ore: 11:00 Partenza per Prova di regolarità Spoleto-Monteluco

LA SPOLETO MONTELUCO è una corsa realmente esistita ebbe inizio il 26/08/1956
Partenza alle falde del Monteluco Arrivo e fine prova

Ore 13:30 PRANZO presso il Ristorante Ferretti.

Al Termine saluti di commiato