Descrizione

La LANCIA e le strade Consolari Romane: l’AURELIA

Manifestazione turistico – culturale organizzata dal C.U.A.E. di Terni nel territorio di Santa Marinella

Il Club Umbro Automotoveicoli d’Epoca (C.U.A.E.), nato a Terni nel 1981, primo  Club federato A.S.I. (Automotoclub Storico Italiano) in Umbria, organizza eventi tradizionalmente finalizzati a far rivivere non solo  un pezzo della storia motoristica italiana, riportando auto storiche su strada, ma soprattutto per condurre  alla riscoperta e valorizzazione delle risorse storico  culturali del territorio italiano.

La lettura di questa vocazione, una mission specifica del C.U.A.E., è nel fatto  che da ben cinque anni il Club ha attribuito al marchio LANCIA l’onere e l’onore di riscoprire gli specifici  tracciati delle strade consolari romane dalle quali l’Ing.Gianni Lancia, figlio del fondatore della Casa Vincenzo Lancia, trasse il nome di importanti capolavori della produzione della Casa:  Flaminia, Aurelia, Appia.

Fonte documentaria fondamentale per individuare i vecchi tracciati delle strade consolari,   per poi  ripercorrerli in un intreccio storico con  ciò che essi sono diventati trasformandosi nel tempo, qualcosa conservando, altro distruggendo,  è stata la “Tabula Peutingheriana”, antica carta stradale del mondo abitabile, – ecumene per gli antichi  –  conosciuto a Roma verso la metà del IV secolo.

Il  legame tra strade consolari romane ed il  marchio LANCIA è molto stretto, ed è quello che sostanzia l’identità, l’originalità e la grandezza della stessa cultura romana; identità espressa soprattutto   nelle “costruzioni”, frutto dell’ingegno umano  – da cui il termine ingegneria….- e che Vitruvio  nel suo  “De Architectura” definiva nella triade: “FIRMITAS” (robustezza),  “UTILITAS” (comodità), “VENUSTAS” (bellezza).

Le automobili LANCIA  sono state robuste, comode e belle; capolavori moderni della genialità italica nel campo della ingegneria meccanica, come sono state frutto della genialità  le strade e le costruzioni romane.

Il 2011, il 2012 ed il 2013  sono stati gli anni dedicati  a ripercorrere  la Via Flamina, riscoprendo il genius loci dei territorio compreso fra Roma e Fano: le  ragioni storiche della costruzione della strada;  i luoghi teatro di importanti vicende storiche, come  Spoleto e la fuga di Annibale; il paesaggio silvo/pastorale di Umbria e Marche, segnato ancora oggi dalle coltivazioni di  olivi e viti; le vestigia degli antichi porti commerciali, come Otricoli,  fino alle complicate definizioni e centuriazioni  dell’ ager publicus e privato delle ville rustiche e delle domus verso Roma.

Le strade per i romani hanno determinato  la conquista dell’ Italia, e poi dell’ Europa e del nord Africa;  sono state arterie
di incontro fra popoli e culture, di scambio di merci, rappresentando per Roma il futuro di caput mundi, lo sviluppo, il progresso del mondo antico. Da quei tempi ormai lontani fino ad oggi, sviluppo e progresso sono stati due termini  in binomio ed in continua evoluzione.  Nel ‘900 non le strade – che spesso ripercorrono, si sovrappongono e sostituiscono gli antichi tracciati romani –  ma soprattutto  le auto che percorrono quelle strade, hanno segnato ed accompagnato i tempi del progresso e dello sviluppo, del boom economico degli anni del secondo dopoguerra,  sia per lo studio dei motori che  della meccanica, dei materiali  e della aerodinamica dei modelli. In queste produzioni di modelli di avanguardia tecnologica, la LANCIA ha avuto un ruolo di primo piano, perseguendo ricerca ed innovazione di tecnica e di stile.

Ogni anno un “viaggio” nella nostra storia.

Il 2014 e il 2015 sono gli anni dedicati alla Via Aurelia e, nel percorrere questa Strada Consolare,  Il Club Umbro vuol costruire un evento dedicato a sottolineare la particolare linea di continuità fra cultura antica e cultura moderna sopra accennata.

L’Aurelia, antica strada consolare, fu iniziata nel III sec.a.C. dal Console Gaio Aurelio Cotta  per collegare prima Roma a Cerveteri ed a Tarquinia, poi alle nuove colonie militari di Cosa e Pyrgi, e sancire così la definiva sottomissione dei popoli etruschi e  la nascita della  Regio VII ‘’Etruria’’.

La via Aurelia sarà  successivamente  prolungata da Cesare e da Augusto verso l’antica Luni – attuale Sarzana, il levante ed il ponente ligure fino a Marsiglia,  superando notevoli difficoltà orografiche.

Oggi la Strada Consolare è la  S.S.n°1 Aurelia; una moderna strada rinnovata, rimodellata sull’antico tracciato; in chiave moderna  è la strada delle vacanze per eccellenza , immortalata, nella pellicola di Dino Risi “il sorpasso” con la mitica Lancia Aurelia B24 che corre a 140 all’ora verso il boom economico dell’Italia spensierata e spavalda degli anni 60.

Dopo essersi spinti nel 2014 verso nord fino a Cosa e  Calafuria, luogo del triste epilogo del Film “il sorpasso”, quest’anno gli equipaggi del C.U.A.E. a bordo delle loro LANCIA torneranno metaforicamente “ad Romam” come legionari dalle terre conquistate, viaggiando sempre sulla stessa Strada Consolare.

Regina d’onore tra le circa 25  auto LANCIA che parteciperanno alla manifestazione, sarà proprio lei: la stessa LANCIA AURELIA B24 spider protagonista nel film di Dino Risi “il sorpasso”, ora di proprietà di un collezionista delle Marche.

Le soste nei luoghi della nostra Storia antica e recente saranno:

  • S.Severa e Cerveteri (antiche Pyrgi e Caere), luoghi testimoni della Storia antica legati alla Civiltà Etrusca che profondamente influenzò quella romana fino a fondersi insieme.
  • S.Marinella  (antica Punicum) città del Regista Roberto Rosellini e dell’attrice Ingrid Bergman, legata alla nostra Storia recente, quella dell’immediato dopoguerra rappresentata nella cinematografia del Neorealismo con film le cui trame riflettono i cambiamenti nei sentimenti e le condizioni di vita degli italiani di quel periodo intriso di frustrazione, povertà, disperazione ma anche di speranza, riscatto, desiderio di lasciarsi il passato alle spalle e di cominciare una nuova vita. Ma la città di S.Marinella, per le  sue speciali caratteristiche terapeutiche e climatiche dell’aria, ha ospitato negli ultimi 100 anni tante ed illustri personalità di fama mondiale; le loro dimore caratterizzano il tessuto urbano della stessa città.

La preparazione dettagliata della visita a questa nutrita presenza di testimonianze storiche  nel territorio di S.Marinella è stata resa possibile grazie alla operosa e competente disponibilità offerta dal Prof. Livio Spinelli, storico del luogo, all’organizzatore responsabile della manifestazione LANCIA arch. Paolo Battistelli.

Ecco quindi, come gli eventi LANCIA organizzati dal C.U.A.E. di Terni , ci portano a contatto con le radici della nostra storia e nello stesso tempo il viaggio, a ritroso nel tempo, è incontro con la cultura, con la riflessione sui valori , sul senso del nostro cambiamento.

L’aspetto storico archeologico  si sposa agli aspetti ingegneristici e alle idee di progetto , come sull’Aurelia l’aspetto della conquista etrusca si è coniugato con il lavoro del progettista del famoso motore dell’Aurelia,  l’ingegner  Francesco De Virgilio, il cui figlio Giovanni sarà presente all’evento.

Paolo Battistelli